Cicli e Gann in sinergia: FTSE Mib Future 23 Novembre 2010

Scritto il alle 01:25 da aleale

Analisi Ciclica (Ale)

Con il minimo odierno a 20245, soddisfatta la rottura ribassista del setup weekly 1-5 Novembre che chiamava nuovo minimo rispetto al 20265, nella successiva settimana di setup weekly 22-26 Novembre. Premettendo che, gannianamente, in settimana avrebbe spazio e tempo per approfondire ancora un poco (fino a 19960 entro venerdi 26), sarà l’uscita dal range del setup weekly 22-26 Novembre, attiva da lunedi 29 Novembre dopo le 10:00, a svelare poi la configurazione del setup weekly attuale in funzione di quello successivo del 6/10 Dicembre. Il setup weekly 22-26 Novembre è il 1° possibile punto di arrivo del 2° Trimestrale di tutto il movimento partito a Maggio 2010, nel qual caso, il 1° indizio che stia ripartendo, sarà l’uscita rialzista dal setup weekly attuale (che al momento risulta essere sopra 20900, max odierno), attiva da lunedì 29 Novembre. Prossimi setup weekly, oltre al già citato 6/10 Dicembre, saranno poi il 20/23 Dicembre, 3/7 Gennaio, 10/14 Gennaio, con Gennaio importante setup mensile come già descritto nell’articolo del weekend:.

Velocità cicli mediani - Cicli e Gann Grafico Sequenze cicli Trimestrali - Cicli e Gann
Grafico Sequenze cicli 4gg partenza 2 Novembre - Cicli e Gann Grafico cicli 16gg - Cicli e Gann

Quello attualmente in corso, è il 4° e conclusivo Tracy-2 del Tracy partito il 12 Novembre, la cui conclusione, a questo punto, sarebbe attesa entro mercoledi 24 Novembre e comunque non oltre venerdi 26 Novembre. Il fatto che abbia registrato un nuovo minimo rispetto alla sua partenza (20245 inf a 20265) e che lo abbia fatto in settimana di setup weekly, rende molto piu’ probabile che la partenza del Tracy+1 sia quella avvenuta il 2 Novembre. Quindi, il minimo che ha fatto/che farà nel corso di questa settimana, acquista, anche ciclicamente, importanza basilare per la prosecuzione dei corsi, perchè sarà quello strutturale che dovrà sostenere la ripartenza e che, se fosse rotto al ribasso, chiamerebbe altra negatività almeno fino al prossimo setup weekly del 6/10 Dicembre.

Velocità cicli minori - Cicli e Gann grafico cicli 4gg - Cicli e Gann
grafico cicli 8gg . Cicli e Gann grafico cicli 12gg - Cicli e Gann

Analisi di Gann (Gianca)

Il setup daily del 22 Novembre disegna una barra outside sul giornaliero oltre ad un minimo inferiore a livello settimanale, soddisfacendo così il requisito di un potenziale setup weekly 22/26 di minimo, che andrà poi confermato in uscita dalla settimana successiva. Essendo solo lunedì, chiaramente è ancora presto e i prossimi giorni potrebbero portare ad ulteriori minimi, a condizione che il prezzo non ecceda sotto l’ angolo 0 passante a 19960. Un recupero nella parte finale dell’ ottava con chiusura alta del range settimanale darebbe maggiore probabilita’ per una rottura rialzista.

prossimo setup weekly 06/10 dicembre
prossimo setup daily 30 novembre

Angolo 0 mensile 19960
Angoli settimanali a 20480, 20940, 22060
Angoli giornalieri a 20080, 20250, 20410, 20530

Gann giornalieroGann square giornaliero

Gann settimanale
Gann square settimanale

Migliori Siti

Dettagli cicliegann.finanza.com/

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
190 commenti Commenta
astrader
Scritto il 23 novembre 2010 at 17:36

basta che non facciano…. la sòla… tutti guardano spagna e company.. e invece casca il governo… silvio fugge col malloppo… uno a caso apre il libro dei conti e ce trova un topo.. puff .. e tocca proprio a noi..

anonimus08
Scritto il 23 novembre 2010 at 17:39

anonimus08@finanza: Agg. proiezione ore 13,15, mancherebbe un minimo da fare a breve, segue rimbalzino ma la tendenza pomeridiana rimane ribassista con minimo finale.  

Oggi preso in pieno il movimento giornaliero fino in close, ho notato che funziona meglio quando il mercato fa’ movimenti lenti altrimenti rischia di impantanarsi.:roll:

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 17:53

Aggiorno le velocità sul DAX

elico64
Scritto il 23 novembre 2010 at 17:55

Questa la situazione dell’ipotesi B (partenza di un T+1 sul minimo del 12Nov) al close odierno:

1°T+4 (25Mag): Bullish. Al momento nessun segnale significativo. Prezzi sotto la ciclica di riferimento.
2°T+3 (31Ago, 60 barre daily oppure 64 se minimo del 25/8). Bearish con segnale di minimo (PS: la barra si completerà domani essendo un frame bi-giornaliero);
2°T+2 (5Ott 9:15, 35 barre daily): bearish di minimo;
3°T+1 (12Nov 9:10, 7 barre daily): bearish di minimo;
1°Tracy (12Nov 9:10, 7 barre daily): bearish di minimo;
2°T-1 (17Nov 14:06): bearish di minimo;
2°T-2 (19Nov 15:46): bearish di minimo;
2°T-3 (23Nov 9:14): bearish di minimo;

Buona serata a tutti. Domani assente per trasferta di lavoro.

Ci si ri-legge domani sera/giovedì mattina

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 17:58


anonimus08
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:05

fortunato64,

Ciao Fortunato64 non è che hai anche il Batteplan dell’sp500 index o futures x caso?
:roll:

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:14

prima che vada a ridisegnare il grafico questo è il movimento che seguo sui tracy+1

astrader
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:14

ale, a sto punto se son mossi i minimi rile? :roll:

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:16

anonimus08@finanza: fortunato64,
Ciao Fortunato64 non è che hai anche il Batteplan dell’sp500 index o futures x caso?   

pensavo di metterlo a chiusura,quale ti interessava?

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:35

al momento ho questo
SP500 indice alle ore 18,30

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:38

e le velo sempre alle 18,30

gianca60
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:53

riecchime :roll: :D

acra
Scritto il 23 novembre 2010 at 18:57

zander81@finanza: non parlo di zanetti, parlo di gann.comunque ciò da te riportato non preannuncia sicuramente nulla di buono…vedremo cosa farà per venerdì.buona serata a tutti  

Non c’è bisogno d’aspettar venerdì, basta già domani………………se fà una terza chiusura giornaliera cosecutiva sotto la dinamica dai minimi di maggio………..ci rivediamo all’inferno.
24 novembre………..il giorno del giudizio :lol:
Non capisco perchè se doveva rompere all’insù la statica a 21.600 (con 3 candele bianche e chiusure consecutive sopra tale livello) e si saliva : era tutto OK, mentre nella situazione attuale non deve andare bene.
Io non sono ne short e ne long……………….seguo i mercati

ettore61
Scritto il 23 novembre 2010 at 19:08

Gli stregoni della borsa.

Livermore ……”Ma Jesse” piagnucolo “non vorrai dirmi che hai guadagnato miliardi dei nostri dollari, solo con ciò hai in testa e col tuo fiuto ?” “Assolutamente si !” risponde come se fosse la cosa più normale del mondo.

Gann……...In questa descrizione ci riconosco moltissime persone, hanno un’idea precostituita della Borsa e se la portano appresso per tutta la vita. Quasi sempre pensano che si guadagni solo al rialzo e molto spesso comprano vicino ai massimi. Quando il mercato gli gira contro, semplicemente non possono accettare di essere dal lato sbagliato ed insistono nella loro posizione, fintantochè un giorno in preda al panico ed al disgusto, venderanno sul minimo di quel ciclo….

Elliott….…Si risiede di fronte a me ” prima di arrivare a questo libro mi sono rovinato in Borsa” dice con la fronte corrucciata, come se il ricordo di quella esperienza gli facesse ancora male.”Mi ero davvero giocato tutto e se avessi potuto mi sarei venduto anche l’anima, prima di capire che non avrebbe potuto essere diversamente. La Borsa, come tutte le cose di questo mondo, obbedisce alla stessa legge universale che governa i destini dell’ umanità. Fibonacci lo aveva già capito otto secoli fà.”

Magee.…”Osservando la Borsa, mi sono accorto che nelle sue varie fasi, i prezzi formavano delle figure riconoscibili e ripetitive. Un head and shoulders per esempio si ripeteva ai massimi di un ciclo ed indicava la presenza di una fase di distribuzione. Riflettendo sulla sua forma e sui volumi di accompagnamento, ho capito che tipo di comportamento c’era sotto.”

Graham..…..”il trader è un commerciante di titoli mobiliari, l’ investor è un socio di capitale. Il trader può anche non sapere nulla dell’azienda, limitandosi ad analizzare la domanda e l’ offerta di azioni ; l’investor deve conoscere prodotti, mercati, management ed in generale tutto ciò che può avere influenza sulla capacità reddituale dell’ azienda stessa.”

Musashi……”E l’ ansia ? Come si può controllare l’ ansia ?” “Comprendendone l’ origine” mi risponde “e cioè andando alla fonte di quello stato mentale.” Fa una pausa e poi continua ” in genere è la mancanza di fiducia in te stesso che la genera. Se fossi assolutamente certo delle tue possibilità, l’idea di poter fallire non ti sfiorerebbe neanche e non conosceresti l’ansia…..

Keynes…..”L’ illusione liberista” continua, “si spinge a ritenere che manovrando i tassi di interesse si possono stimolare gli investimenti e per quella via la domanda aggregata. Ebbene, ciò è tanto più vero quanto più l’economia è chiusa. Se per esempio riduco il tasso di interesse sulle obbligazioni spingerò i risparmiatori verso la Borsa. Ma se l’ economia è aperta, o globale come voi dite oggi, quando un paese riduce i tassi spinge il risparmio verso un’ altro paese con i tassi più alti…….

Edwards.…..”Quindi” riprendo da dove lui ha finito, “il trader dovrebbe cercare di stare sempre in tendenza con il mercato ?””Assolutamente no” mi risponde ” ci sono periodi in cui deve stare completamente fuori !”

O’ Farrel.…”tira fuori un ritaglio di giornale in cui John Liscio, un giornalista di Barron’s, riporta le parole dell’ungherese in un intervento al Committee for monetary research : Economic history is a never-ending series of episodes based on falsehood and lies, not truths. It represents the path to big money. The object is to recognize the trend whose premise is false, ride that trend and step off before it is discredited ( La storia economica è una serie infinita di falsità e bugie. Per guadagnare tanti soldi, occorre riconoscere le tendenze che si basano su falsi presupposti, cavalcarle e quindi uscirne prima che tutti gli altri si accorgano dell’ errore).”

anonimus08
Scritto il 23 novembre 2010 at 19:14

fortunato64: al momento ho questoSP500 indice alle ore 18,30  

Grazie mille, io opero giornalmente sul futures che sai è aperto in pratica 24h per cui si differenzia un po’ dall’index se avessi il futures sarebbe meglio altrimenti va’ bene lo stesso.
:wink:

anonimus08
Scritto il 23 novembre 2010 at 19:17

fortunato64: pensavo di metterlo a chiusura,quale ti interessava?  

andrebbe benissimo quando hai tempo di mettere in close quello del futures così almeno ho un’indicazione di massimo x il giorno dopo, ancora grazie.
:-)

Balla coi Lupi
Scritto il 23 novembre 2010 at 19:26

Balla coi Lupi scrive:
22 novembre 2010 alle 19:36
tornando ad sp5
se ci va bene questa potrebbe essere la c di 4 che cmq minimo a 1155 deve andare e nn sembrerebbe potersi esaurire in 1/2 gg .
pero’ il daily sul dax ci dice 2 cose
1) che il 12 novembre avrebbe chiuso il 2° mensile e partito il 3°
2) che la candela di oggi nn e’ x niente simpatica e come minimo vanno a chiudere il 1° T+1
se poi vanno sotto 6600 e spiccioli origine del 3° mensile allora the question si allunga x la chiusura del 3° mensile e anche trimestrale
con queste prospettive il ns nn puo’ che sprofondare
Balla coi Lupi@finanzaonline

:mrgreen:

gianca60
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:08

– Vi fidereste di qualcuno che garantisce per un vostro debitore ma a sua volta deve trovare i soldi in prestito? Probabilmente no ed è per questo stesso motivo che il mercato non si fida dell’Europa e soprattutto non si fida dell’establishment politico ed economico del vecchio continente.

Gli investitori hanno capito che il Fondo di stabilità europeo può sostenere per un periodo limitato un paio di piccoli paesi dell’Unione ma non tre o quattro. E soprattutto non potrebbe sostenere il peso di una crisi spagnola che sembra avvicinarsi ogni giorno di più.

Per capire la fragilità della struttura finanziaria messa in piedi dai tecnocrati di Bruxelles basta ricordare che l’Italia dovrebbe garantire direttamente (sotto forma di stanziamenti) o indirettamente (sotto forma di debito) 74 dei 440 miliardi, cioè la quota di competenza italiana, da utilizzare nel salvataggio dell’Eurozona. Facendo due conti, solo il salvataggio irlandese avrebbe un costo per le nostre scarne finanze di 16 miliardi in tre anni. L’Europa, e con essa l’Italia, hanno bluffato con i mercati finanziari facendo credere che il meccanismo di salvataggio avrebbe garantito la stabilità dei debiti e dei mercati, il bluff ha funzionato per qualche settimana nel caso della Grecia e per poche ore nel caso dell’Irlanda.

I titoli di Stato di Dublino sono stati acquistati (…) ma il movimento è stato dovuto per lo più a ricoperture di operatori che avevano venduto in precedenza e chiudevano le proprie posizioni sul mercato, i “real money”, cioè gli investitori di lungo termine che investono sulla base dele tendenze macroeconomiche di un Paese non si sono visti. Così come non si sono visti compratori reali dei debiti sovrani di Spagna, Portogallo e Italia.

Gli speculatori hanno deciso di concedere una breve pausa ai governi europei interrompendo le massicce vendite ma non hanno ancora invertito il trend. Non ci pensano proprio a esporsi per cifre rilevanti su titoli europei che non siano tedeschi. Il problema è che Spagna, Portogallo e Italia devono continuare a finanziarsi sui mercati non per effettuare nuovi investimenti ma semplicemente per continuare a pagare il proprio debito pregresso, ogni scadenza obbligazionaria viene rimborsata contraendo un nuovo debito, come una bicicletta in corsa non ci si può fermare all’improvviso altrimenti si cade.

Gli Stati Uniti hanno deciso di mantenere la bicicletta in corsa permettendo alla Banca centrale di stampare denaro per comprare i titoli di Stato correndo un grandissimo rischio inflazione. In Europa questo non si può fare, la Bce ha come unico obiettivo di mantenere bassa l’inflazione. E l’ortodossia economica tedesca non ammette eccezioni. I ministri delle Finanze europei sono così costretti a un equilibrismo fra i mercati che chiedono nuove misure e le regole europee che le impediscono. Nascono così improbabili operazioni di salvataggio che possono solo rinviare i problemi di qualche mese.

Questo limite intrinseco all’Unione monetaria sta venendo sempre di più allo scoperto e gli investitori chiedono rendimenti maggiori per finanziare Paesi che hanno basse prospettive di crescita economica e di stabilità finanziaria. Al prossimo vertice europeo Germania e Francia chiederanno a tutti i paesi dell’area euro di diminuire il proprio debito per tranquillizzare i mercati, la Banca centrale europea ha già fatto sapere che si aspetta una riduzione dei deficit e del debito nel breve termine.

L’Italia arriverà al quel tavolo tentando di valorizzare il basso debito privato a fronte di un enorme debito pubblico, probabilmente riuscirà a non farsi imporre la manovra da 45 miliardi alla quale saremmo obbligati dai rigidi parametri di debito/Pil. Tuttavia è molto probabile che ci venga imposto un piano di austerity di almeno un punto di pil. Una manovra, minimo, di 16 miliardi.

gianca60
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:17

Visti i dai macro arrivati in ottobre, il comitato di politica monetaria e’ dovuto correre ai ripari, decidendo “di comune accordo” di apportare tanti piccoli cambiamenti alle operazioni di acquisto di bond piuttosto che farne pochi, ma grandi.

L’accordo e’ stato raggiunto durante la riunione di due giorni tenuta il 15 ottobre. E’ questo quanto emerge in materia di quantitative easing dalle minute del FOMC appena pubblicate.

La Federal Reserve ha inoltre deciso di rivedere al ribasso le previsioni di crescita sul PIL e sull’occupazione. Alcuni dei funzionari del comitato della banca centrale hanno detto che ci potrebbero volere oltre sei anni perche’ il tasso di disoccupazione ritorni su livelli normali.

La “tendenza principale” e’ per una crescita del peTheir 2.4%-2.5% quest’anno, stima che si confronta con il range di 3%-3.5% fissato a giugno. L’anno successivo l’economia e’ vista accelerare del 3%-3.6%, mentre nel 2012 del 3.6%-4.5% e nel 2013 del 3.5%-4.6%.

Le previsioni per il 2011 sono decisamente piu’ pessimiste rispetto all’outlook precedentemente stabilito a 3.5%-4.2%. Tale crescita non sara’ tale da mutare in meglio la situazione critica del mercato del lavoro. Gli esponenti della Fed prevedono infatti che il tasso di disoccupazione si attesti tra il 9.5% e il 9.7% nel 2010, 8.9%-9.1% nel 2011, 7.7%-8.2% nel 2012 e che rimanga ancora molto alto al 6.9%-7.4% l’anno successivo.

zander81
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:17

acra@finanzaonline:
Non c’è bisogno d’aspettar venerdì, basta già domani………………se fà una terza chiusura giornaliera cosecutiva sotto la dinamica dai minimi di maggio………..ci rivediamo all’inferno.
24 novembre………..il giorno del giudizio
Non capisco perchè se doveva rompere all’insù la statica a 21.600(con 3 candele bianche e chiusure consecutive sopra tale livello) e si saliva : era tutto OK, mentre nella situazione attuale non deve andare bene.
Io non sono ne short e ne long……………….seguo i mercati  

non cambia molto se rompe su o giù, a me interessa esserci ovviamente, comunque l’rsi è abbastanza tirato, diciamo che non mi sembra un trend all’inizio.
stessa cosa successe nel luglio 09.si ruppe la trend, poi è partito per i 24 mila.
le trend hanno i suoi perchè, sicuramente, ma la regola delle tre chiusure come tante altre regole, le sanno in molti, e quindi…il burattinaio come fa a divertirsi?
vediamo dai, sempre pronto a chiudere i cippini long, posizione in cui mi trovo,per una serie di fattori tra cui il ts che ultimamente si sta comportando bene, la concomitanza con angoli mooolto importanti e quindi la possibilità di un loss ragionevole.
poi se c’ha da girà..la seguiremo :wink:

zander81
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:18

ettore61,

bel commento ettore, sei forte :P

gianca60
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:20

zander81@finanza: ettore61, bel commento ettore, sei forte   

sono le canne :D:D

zander81
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:23

gianca60:
sono le canne   

:mrgreen::mrgreen::mrgreen::mrgreen:

ueragass
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:43

ettore61,

…che grande, aggiungerei solo questa:

Gordon Gekko (Michael Douglas)
L’avidità, non trovo una parola migliore, è valida, l’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica, penetra e cattura l’essenza dello spirito evolutivo. L’avidità in tutte le sue forme: l’avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha impostato lo slancio in avanti di tutta l’umanità. E l’avidità, ascoltatemi bene, non salverà solamente la Teldar Carta, ma anche l’altra disfunzionante società che ha nome America. 8)

fortunato64
Scritto il 23 novembre 2010 at 20:45

anonimus08@finanza:
andrebbe benissimo quando hai tempo di mettere in close quello del futures così almeno ho un’indicazione di massimo x il giorno dopo, ancora grazie.   

ciao :-)
forse non ci siamo capiti,io intendevo chiederti quale ciclicità ti interessava se sul breve o altro.Il future non l’ho mai seguito ciclicamente prova a chiedere ad Ale.
Eppoi tra l’altro è sempre operativo a differenza di altri, quindi per costruire un battleplan su di esso,dovrei capire come tarare i frame,non so se mi sono spiegato.

per esempio mentre sul dax,per dirne uno,dispongo di 140 frame circa da 15 minuti per tracciare un classico t-1 sul future SP come dovrei calcolare? Da subito mi ero detto,beh (24×4!?)

Poi visto il dubbio che avevo ho ladsciato stare.Comunque il quesito visto che c’è lo giro ad Ale,cosicchè non ne esca qualcosa di utile a tal fine.Ciao :D

1 5 6 7 8

Ultimi post dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’interesse nei confronti della Cina è molto alto. È stato il primo a ripartire dalla crisi
Ftse Mib: l'indice italiano conferma il break di 22.000 punti e raggiunge una resistenza importante
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle Mibo numerosi nuovi ingressi di put a strike 215
Basandoci sul singolo Price Earning, i mercati azionari oggi sembrano palesemente cari. Ma non dim
Statistiche del Blog



Mercati tempo reale


Mercati in real time


Dati Macro del giorno


Uscita Dati Macro


  The   B L O G
      in    your
  L a n g u a g e