Cicli e Gann in sinergia: FTSE Mib Future 8 Giugno 2012

Scritto il alle 22:17 da ettore61

Analisi Tecnica
Rotto al rialzo il canalino ribassista e superamento dei 13500 a confermare il doppio minimo “sporco” e quindi una potenziale inversione fino a 14460 circa…

C’e un …..ma !!!! eheheheheh …. te pareva…..

La candela odierna, sebbene verde e’ una shooting star (stella cadente) che generalmente compare su un potenziale massimo e in presenza di una zona resistiva (13670)…
E’ un segnale bearish la cui reliability e’ comunque bassa e chiede quindi conferma.
La conferma avverrebbe con un minimo inferiore a 13375 e successivamente con la rottura di 13235 (halfway della long white che funziona da supporto). Il supporto a 13330 potrebbe aiutare.
L’importante e’ non rompere i 13020 altrimenti potremmo rivedere i 12830 e forse qualcosina piu’ giu’.

Con i ritracciamenti di Fibonacci, il 23.6% oggi si e’ guadagnato il pane ed e’ un livello non banale essendoci anche i minimi delle due candele del 23 e 24 di aprile ….

……………… SI VOLAAAAAAAAAAAAAAAAAAA ………..

………. VOOOOOLAREEEEE…. OOOOOOh … OOOOOOOOh …………

…………….. E LO SFORZO CONTINUA ………………………

Setup e Angoli di Gann

Setup Annuale:
ultimo 2010 (range 17910/24075) [uscita ribassista]
prossimo 2012
Setup Mensile:
ultimo Marzo (range 15560/17055) [uscita ribassista]
prossimo Maggio/Giugno
Setup Settimanale:
ultimi 21/25 Maggio (range 12780/13500) [in attesa]
prossimo 11/15 Giugno, 25/29 Giugno
Setup Giornaliero:
ultimo 6 (range 13005/13445) [uscita rialzista]
prossimi 11 Giugno, 13 Giugno

Angoli Mensili Giugno: 12030, 12650, 13750, 15050
Angoli Settimanali: 12450, 12900, 13730/13950
Angoli Giornalieri: 13270, 13430, 13640, 13810

Grafici : square giornaliero, square settimanale, setup settimanale, setup mensile

Migliori Siti

Dettagli cicliegann.finanza.com/

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
94 commenti Commenta
paffi
Scritto il 8 giugno 2012 at 16:05

gianca60: è quello che dicevo ieri a proposito del comit.A maggio scadeva il quadrato naturale di 60 mesi ,la perdita di certi livelli e sopratutto il ritorno con nuovi minimi attivera’ il ribasso almeno fino a luglio Agosto con livelli di comit sopra descritti.Tieni conto che ieri il comit ha chiuso a 745 fai il conto te.Quindi o da qua risaliamo tentando di recuperare i livelli o so’ azzi amari.

Confermo…. Ciao a tutti

reneses
Scritto il 8 giugno 2012 at 16:07

minimo minimo… ma qua non cala mai… ehehehehehe :wink:

madrigalista moderno
Scritto il 8 giugno 2012 at 16:20

Ale, una domanda. Nel caso in cui dal minimo di questa mattina arrivasse conferma di un nuovo T-1, ma questo non oltrepassasse il top di ieri e girasse quindi al ribasso, ritieni che sarebbero alte le probabilità di rottura del minimo del 01/06? O quali ragionamenti faresti tu?

aleale
Scritto il 8 giugno 2012 at 16:39

madrigalista moderno:
Ale, una domanda. Nel caso in cui dal minimo di questa mattina arrivasse conferma di un nuovo T-1, ma questo non oltrepassasse il top di ieri e girasse quindi al ribasso, ritieni che sarebbero alte le probabilità di rottura del minimo del 01/06? O quali ragionamenti faresti tu?

50% e 50%

il mio modo di ragionare è il seguente:

SE Trimestrale non ancora ripartito, minimo 11-15 Giugno inferiore a 1 Giugno

SE Trimestrale già ripartito il 1° Giugno, NECESSITA un minimo (crescente) di Tracy nel setup weekly 11-15 Giugno (preferibile intorno al 13 altrimenti se 11-12, sulla ripartenza si rischia 11-15 Giugno setup weekly di Max) per configurarlo setup weekly di minimo, con uscita al rialzo attiva da lunedì 18 e destinazione prossimo setup weekly 25-29 Giugno…. se il setup weekly 11-15 Giugno si configurasse di Max, sarebbe alquanto pericoloso perchè nella migliore delle ipotesi, chiamerebbe almeno altre 2 settimane di ribasso (se basteranno)

madrigalista moderno
Scritto il 8 giugno 2012 at 16:51

Grazie Ale.

madrigalista moderno
Scritto il 8 giugno 2012 at 17:00

Primi indizi importanti di nuovo T-1, in attesa di conferme.

giannat
Scritto il 8 giugno 2012 at 17:03

ciao Thomas….massimi fra le 16.00/17.00 superiori a 2.144…..ripartito un Ciclo T-1 !?….o manca ancora qualcosa ??
Thank You

giannat
Scritto il 8 giugno 2012 at 17:05

giannat@finanza,

Thomas Ps.: …..ma hai delle info nuove sul Fut S&P 500….?!?!

thomas88
Scritto il 8 giugno 2012 at 17:06

thomas88: Questo sarebbe il T-2 a 3 tempi e sarebbe molto regolare.
I massimi segnati poco fa avrebbero segnato i massimi dell’ultima parte del ciclo.
Massimi superiori a 2144 dopo le ore 16/17 di oggi (se fosse corretto il T-2 per le ore 15/17 di oggi dovrebbero segnare un minimo, anche relativo), inizierebbero ad indicarmi la possibile ripartenza del ciclo T-1.

Massimi superiori a 2144 dopo le ore 16/17 di oggi (se fosse corretto il T-2 per le ore 15/17 di oggi dovrebbero segnare un minimo, anche relativo), inizierebbero ad indicarmi la possibile ripartenza del ciclo T-1…
Indicatore ciclico che inizia a confermare la ripartenza del T-1.

ettore61
Scritto il 8 giugno 2012 at 18:11

mamma mia che stanco ….. :mrgreen:

ettore61
Scritto il 8 giugno 2012 at 18:20

Jinxed,

ocio che tra poco si sente la musica …. IL MERCATO SUONA !!!

marce60
Scritto il 8 giugno 2012 at 18:24

ettore61: mamma mia che stanco …..

stanco de ke!?!… :lol:

PincoPallino
Scritto il 8 giugno 2012 at 18:26

Salve

visto i vostri discorsi odierni, vi posto il commento di oggi dell’Ing. Migliorino per la parte riguardante la situazione italiana e togliendo per ovvi motivi la parte riguardante l’andamento previsionale attuale dei mercati

8 Giugno ore 8.00: … cosa ci aspetta nei prossimi 10 anni?

A marzo scorso, la produzione industriale italiana è calata del 5.8% rispetto all’anno precedente (un risultato “quasi positivo” dopo il -6.8% di febbraio) e la bilancia dei pagamenti (il saldo dei nostri scambi con l’estero) ha registrato un passivo di oltre 2.5 miliardi.

La figura seguente sintetizza questi due parametri su base storica…

… e ci permette di calcolare che, nei 10 anni dal nostro ingresso nell’euro ad oggi, la produzione industriale è, mediamente, calata del 2.15% l’anno, mentre la bilancia dei pagamenti è peggiorata, mediamente, di 0.32 punti di Pil l’anno (in altri termini: il deficit è aumentato di 5 miliardi l’anno… e se quest’anno sarà di 50 miliardi, il prossimo anno sarà di 55 miliardi).
E nei 10 anni prima dell’entrata nell’euro?

La produzione industriale aumentava, mediamente, dell’1.1% l’anno e la bilancia dei pagamenti migliorava, mediamente, di 0.29 punti di Pil l’anno.

Dove saremmo oggi se non fossimo entrati nell’euro?

La produzione industriale sarebbe a 117.8 invece che 84.7 (ovvero il 39.2% in più) e la bilancia dei pagamenti avrebbe un attivo di 40 miliardi l’anno (invece che un passivo di 50 miliardi l’anno).

In sostanza: i numeri ed i fatti dimostrano in maniera inequivocabile (ed inquietante) che l’ingresso nell’euro è stato una catastrofe economica che costa ad ogni italiano 5000 euro l’anno, ovvero 15000 euro l’anno per ogni nucleo familiare.

Avete capito miei cari paisani?

‘Sta bella pensata dell’euro, per gli italiani è stata una tragedia epocale, che giustificherebbe la “corte marziale” (ovvero l’applicazione delle leggi del tempo di guerra) per i responsabili di questo disastro. Una Norimberga in tempo di pace (apparente).

E dove arriveremo tra 10 anni, continuando a rimanere nell’euro?

La produzione industriale calerà di un altro 21.5% (2.15% x 10) attestandosi a 66.5 e la bilancia dei pagamenti peggiorerà di altri 50 miliardi l’anno ( 5 x 10) attestandosi su un deficit annuo di 90 miliardi.

Riuscite ad immaginare cosa ciò significhi?

La figura sopra ve ne da un’idea di larga massima: la produzione industriale scenderà molto sotto i livelli degli anni 70… un salto all’indietro di oltre 50 anni, quando eravamo uno dei paesi più poveri d’Europa ed emigravamo in massa verso la Germania, l’America e l’Australia.

Inoltre, il deficit della bilancia dei pagamenti ed il relativo accumulo di debito estero, renderà il paese insolvente (peggio della Grecia odierna). Ciò significa che saremo, inevitabilmente, fuori dall’euro, ma senza più un’industria da cui ripartire e con una disoccupazione simile a quella dei paesi africani affamati.

Questo è il futuro che ci stanno preparando i partiti al governo (PD, PDL ed UDC) con il consenso dei loro elettori.

Per questo bisogna spazzarli via: farli scomparire in modo che non possano più nuocere alla gente onesta di questo paese.

Oppure voi vedete qualche altra possibilità?

marce60
Scritto il 8 giugno 2012 at 18:46

PincoPallino,

non mi rimane che confermare in toto…

ettore61
Scritto il 8 giugno 2012 at 19:39

PincoPallino:
Salve

visto i vostri discorsi odierni, vi posto il commento di oggi dell’Ing. Migliorino per la parte riguardante la situazione italiana e togliendo per ovvi motivi la parte riguardante l’andamento previsionale attuale dei mercati

8 Giugno ore 8.00: … cosa ci aspetta nei prossimi 10 anni?

A marzo scorso, la produzione industriale italiana è calata del 5.8% rispetto all’anno precedente (un risultato “quasi positivo” dopo il -6.8% di febbraio) e la bilancia dei pagamenti (il saldo dei nostri scambi con l’estero) ha registrato un passivo di oltre 2.5 miliardi.


La figura seguente sintetizza questi due parametri su base storica…

… e ci permette di calcolare che, nei 10 anni dal nostro ingresso nell’euro ad oggi, la produzione industriale è, mediamente, calata del 2.15% l’anno, mentre la bilancia dei pagamenti è peggiorata, mediamente, di 0.32 punti di Pil l’anno (in altri termini: il deficit è aumentato di 5 miliardi l’anno… e se quest’anno sarà di 50 miliardi, il prossimo anno sarà di 55 miliardi).
E nei 10 anni prima dell’entrata nell’euro?

La produzione industriale aumentava, mediamente, dell’1.1% l’anno e la bilancia dei pagamenti migliorava, mediamente, di 0.29 punti di Pil l’anno.

Dove saremmo oggi se non fossimo entrati nell’euro?

La produzione industriale sarebbe a 117.8 invece che 84.7 (ovvero il 39.2% in più) e la bilancia dei pagamenti avrebbe un attivo di 40 miliardi l’anno (invece che un passivo di 50 miliardi l’anno).

In sostanza: i numeri ed i fatti dimostrano in maniera inequivocabile (ed inquietante) che l’ingresso nell’euro è stato una catastrofe economica che costa ad ogni italiano 5000 euro l’anno, ovvero 15000 euro l’anno per ogni nucleo familiare.

Avete capito miei cari paisani?

‘Sta bella pensata dell’euro, per gli italiani è stata una tragedia epocale, che giustificherebbe la “corte marziale” (ovvero l’applicazione delle leggi del tempo di guerra) per i responsabili di questo disastro. Una Norimberga in tempo di pace (apparente).

E dove arriveremo tra 10 anni, continuando a rimanere nell’euro?

La produzione industriale calerà di un altro 21.5% (2.15% x 10) attestandosi a 66.5 e la bilancia dei pagamenti peggiorerà di altri 50 miliardi l’anno ( 5 x 10) attestandosi su un deficit annuo di 90 miliardi.

Riuscite ad immaginare cosa ciò significhi?

La figura sopra ve ne da un’idea di larga massima: la produzione industriale scenderà molto sotto i livelli degli anni 70… un salto all’indietro di oltre 50 anni, quando eravamo uno dei paesi più poveri d’Europa ed emigravamo in massa verso la Germania, l’America e l’Australia.

Inoltre, il deficit della bilancia dei pagamenti ed il relativo accumulo di debito estero, renderà il paese insolvente (peggio della Grecia odierna). Ciò significa che saremo, inevitabilmente, fuori dall’euro, ma senza più un’industria da cui ripartire e con una disoccupazione simile a quella dei paesi africani affamati.

Questo è il futuro che ci stanno preparando i partiti al governo (PD, PDL ed UDC) con il consenso dei loro elettori.

Per questo bisogna spazzarli via: farli scomparire in modo che non possano più nuocere alla gente onesta di questo paese.

Oppure voi vedete qualche altra possibilità?

Ciao Pinco,

Grazie per aver messo il commento del Miglio …

Come dargli torto …..

:roll:

thomas88
Scritto il 8 giugno 2012 at 19:40

ettore61:
mamma mia che stanco …..

marce60@finanza: stanco de ke!?!…

Troppe ferie stancano… :mrgreen:

ettore61
Scritto il 8 giugno 2012 at 22:00

thomas88:
Troppe ferie stancano…

Thomas, una domanda….

E’ per caso finito il T+3?

C’e’ tempo per mandarti a FC?

:D:D:D:D:D

jinxed
Scritto il 8 giugno 2012 at 22:59

ettore61:
Jinxed,

ocio che tra poco si sente la musica …. IL MERCATO SUONA !!!

Cosa significa questo commento rivolto solo a me?

ettore61
Scritto il 9 giugno 2012 at 17:40

jinxed@finanza: Cosa significa questo commento rivolto solo a me?

Nulla,

Ho notato che non ti piacciono le candele ribassiste …. e che la tua vena ha dominanze rialziste …

:wink:

1 2 3 4

Ultimi post dal Network
Novembre è stato un mese ben oltre le attese. Le news sul vaccino e la forward guidance su banche
FNM prosegue il suo percorso di rinnovamento che punta a un trasporto sostenibile ed annuncia di ave
Ftse Mib. Si è un po’ placato l’ottimismo sull’indice italiano dopo il test di 22.334 punti
Thanks to Rich HEDGEYE In questi giorni, il nostro profilo non può che essere basso, siamo i
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle Mibo prepotente ingresso di put a strike 18500 e
Statistiche del Blog



Mercati tempo reale


Mercati in real time


Dati Macro del giorno


Uscita Dati Macro


  The   B L O G
      in    your
  L a n g u a g e