Cicli e Gann in sinergia: FTSE Mib Future 26 Settembre 2012

Scritto il alle 21:04 da gianca60

Con la rottura di 15630 avvenuta sul daily di oggi 25 settembre,viene confermata l’ uscita direzionale al ribasso dal doppio setup weekly 10/14-17/21, in linea con l’ipotesi correttiva che suggerisce negativita’ per la ricerca di un minimo relativo ( chiusura intermedio ) nel mese di Ottobre (setup monthly) preferibilmente sulle scadenze weekly 8/12 (ipotesi primaria) e 22/26 Ottobre.La sequenza ribassista a livello settimanale con massimi e minimi decrescenti, che non esclude rimbalzi , potra’ essere annullata solo tramite un outside o con ritorni sopra 16705.Probabile che questa ottava si presentera’ con movimenti complessi anche a causa della chiusura del mese di settembre nel tentativo di mantenere livelli angolari mensili come ad esempio 15600 testato oggi, mentre in caso di cedimento, a 15260 passera’ il prossimo angolo settimanale.Livelli resistenziali 16200/16300.

Setup Annuale:
ultimo 2010 (range 17910/24075) [uscita ribassista]
prossimo 2012
Setup Mensile:
ultimo Maggio /Giugno (range 12550/14820) [in attesa]
prossimi Settembre/Ottobre
Setup Settimanale:
ultimi 10/14 Settembre , 17/21 Settembre, (range 15630 /16705 ) [in attesa]
prossimi 8/12 Ottobre, 22/26 ottobre
Setup Giornaliero:
ultimo 25 Settembre (range 15585/15955) [in attesa]
prossimi 28 settembre, 4 ottobre, 10/11Ottobre

Angoli Mensili Settembre 13550, 15050, 15600, 16300, 17700
Angoli Settimanali 15260, 16220, 16600
Angoli giornalieri 15470,, 15700, 15730, 15930,, 16030, 16150

Grafici : square settimanale, square mensile, setup settimanale, setup mensile

Migliori Siti

Dettagli cicliegann.finanza.com/

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
52 commenti Commenta
gianca60
Scritto il 26 settembre 2012 at 19:14

New York – Peggio di un paese che e’ appena uscito da una rivoluzione. Appena sotto lo stato piu’ piccolo e tra i meno trasparenti in America Latina, dove il lavoro sommerso tocca un quarto della popolazione. Inferiore anche a un paese sull’orlo del collasso e ormai fuori dall’area euro, che ha dovuto subire per anni l’impatto della corruzione della sua classe politica.

Insomma lo stato della liberta’ economica in Italia e’ allarmante. Non raggiungiamo nemmeno il livello di una nazione africana ancora instabile, che ha ottenuto l’indipendenza 50 anni fa, ma che fino a 3 anni fa ha dovuto fare i conti con una serie di omicidi politici.

Nonostante un lieve incremento in alcuni singoli aspetti della liberta’ economica, anche gli Stati Uniti non possono dirsi soddisfatti, essendo scivolati al 18esimo posto della classifica internazionale.

Hong Kong si conferma al primo posto, mentre l’Italia fa segnare un imbarazzante 83esimo posto, dietro a paesi come Tunisia, Paraguay, Grecia e Kenya, sopra citati.

La posizione di ripiego degli Usa sorprende tuttavia molto di piu’: da sempre considerati il punto di riferimento della liberta’ economica tra i grandi paesi industrializzati, gli Stati Uniti hanno accusato un tonfo notevole negli ultimi dieci anni.

Dal 1980 al 2000 Washington era saldamente al comando, piazzandosi sempre nei primi tre posti in compagnia di Hong Kong e Singapore. Il tracollo in classifica e’ poi stato netto. Dal secondo posto nel 2000 all’ottavo nel 2005 e il 19esimo nel 2010. Nel 2009 gli Stati Uniti erano dietro a Svizzera, Canada, Australia, Cile e Mauritius, paesi che hanno deciso di non seguire la strada delle politiche dell’indebitamento del governo.

Arrivati al 2010, gli Usa sono scivolati anche sotto Finlandia e Danimarca, due paesi che si possono considerare socialisti e attenti al Welfare. Ora persino Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Qatar e Taiwan fanno meglio.

Il volume sulla liberta’ economica mondiale a cura dell’Istituto Fraser si basa su cinque fattori: dimensioni del governo, sistema legale e diritti, liberta’ di scambi commerciali internazionali, soldi veri e regolamentazione.

Sono 42 le variabili che copre lo studio, che ha l’obiettivo di quantificare gli ingredienti chiave che vanno a formare la giusta miscela di liberta’ economica.

Dietro a Kong Kong si sono piazzate Singapore (8.69), Nuova Zelanda (8.36), Svizzera (8.24), Australia e Canada (7.97), Bahrein (7.94), Isole Mauritius (7.90), Finlandia (7.88) e Cile (7.84). Tra le altre big, dietro agli Usa si piazza il Giappone (20esimo), seguito da Germania (31), Corea del Sud (37), Francia (47), Italia (83) e Messico (91). La Russia e’ ancora piu’ staccata (95), poi vengono Brasile (105), Cina (107) e India (111th).

In fono alla classifica il Venezuela (144esima). Appena sopra Myanmar, Zimbabwe, Repubblica del Congo e Angola.

thomas88
Scritto il 26 settembre 2012 at 19:26

gianca60,

giornatina tranquilla… :D

1 2 3

Ultimi post dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Eccolo là: adesso oltre ai politici, ai sovranisti ed ai contestatori di strada, abbiamo an
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha chiuso spingendo sulla parte bassa del supporto chiave collocata
Sulle Mibo si assiste ad un aumento considerevole di call a strike 17500, 18500 e 19500. Nuovi ingre
Andiamo a riprendere quanto detto nel video TRENDS postato venerdi scorso (click here). Purtropp
Statistiche del Blog



Mercati tempo reale


Mercati in real time


Dati Macro del giorno


Uscita Dati Macro


  The   B L O G
      in    your
  L a n g u a g e